1007 - 2007: i mille anni della Foresta di Tarvisio (UD).

14 luglio 2007
Malborghetto Valbruna (UD)

1007-2007: la Foresta di Tarvisio, inestimabile patrimonio boschivo che si estende per 23000 ettari tra i comuni di Tarvisio, Malborghetto Valbruna e Pontebba dove spicca il Massiccio del Montasio, compie 1000 anni.
Tra i più importanti ospiti intervenuti a festeggiare questa storica ricorrenza, che ricorda la donazione fatta dall'imperatore di Germania Enrico II il Santo al Vescovado di Bamberga, il Presidente del Senato Franco Marini, il Ministro degli Interni Giuliano Amato - il quale tra l’altro è titolare del dicastero che è il custode con il Corpo Forestale dello Stato della Foresta di Tarvisio -, il sottosegretario degli Interni Ettore Rosato nonché diversi autorità regionali, provinciali e locali.
L’incontro in Val Saisera è ufficialmente iniziato intorno alle 10.30 con l’arrivo delle alte autorità dello Stato e l’intonazione da parte dei complessi bandistici presenti degli inni nazionali di Italia, Austria e Slovenia, a simbolo  delle tre nazionalità che in questo territorio convivono da sempre in uno spirito di rispetto e amicizia. E’ stata poi la volta dei discorsi, dove fondamentalmente sono stati sottolineati due temi: il futuro e la salvaguardia del patrimonio naturale rappresentato dalla Foresta di Tarvisio, che richiedono uno sviluppo equilibrato delle potenzialità in essa racchiuse, e i problemi dell’integrazione europea. Significative in questo senso le parole del Presidente Marini che ha ricordato come “..la storia politica di questa foresta e delle sue genti ci insegnano che è necessaria una forte e solida visione strategica per mantenere unita e coesa una comunità territoriale”, insistendo in particolare sulle capacità e l’impegno delle popolazioni che abitano questi luoghi, in grado di renderli il cuore della nuova Europa.

Alla cerimonia è intervenuto anche il direttore centrale della Protezione civile della regione Friuli Venezia Giulia, Guglielmo Berlasso, il quale si è intrattenuto nel corso del momento conviviale prima con il Ministro degli Interni Giuliano Amato e successivamente con Franco Marini. Il direttore Berlasso nel corso dei colloqui ha colto l’occasione per illustrare la struttura e l’organizzazione della Protezione civile della Regione Friuli Venezia Giulia, evidenziando in particolare il grande lavoro di ricostruzione compiuto proprio dalla Protezione civile della Regione nei territori della Val Canale e Canal del Ferro dopo l’alluvione del 2003, grazie ai finanziamenti ricevuti dallo Stato. In tal contesto Guglielmo Berlasso ha inoltre donato al Ministro Amato e al Presidente Marini il DVD  intitolato “30 anni dal terremoto del Friuli, 30 anni di Protezione civile”, realizzato n occasione del trentennale del terremoto del ’76, celebrato lo scorso anno.

La buona riuscita di questo grande evento è stato reso possibile, inoltre, grazie alla fondamentale collaborazione e disponibilità data dai volontari di protezione civile del Distretto della Val Canale e Canal del Ferro, che insieme ai gruppi ANA della Protezione civile,  hanno lavorato per la messa a punto logistica dell’evento. In particolare i volontari delle squadre del Distretto, coordinate dai funzionali della Protezione civile della Regione Friuli Venezia Giulia, si sono occupate del montaggio dei tendoni nella zona della cerimonia, della gestione dell’afflusso e deflusso delle auto, della preparazione e distribuzione dei pasti nonché dell’organizzazione logistica dei parcheggi.

Complessivamente alla macchina organizzativa hanno partecipato oltre 120 volontari, una presenza che lo stesso direttore Berlasso non ha mancato di sottolineare al termine del suo scambio con le due autorità dello Stato presenti in Val Saisera.