Cimone (MO) 3-4-5 febbraio 2011: 9° Campionato Italiano di Sci - Manifestazione Nazionale del Sistema di Protezione Civile

3, 4 e 5 febbraio 2011
Monte Cimone (MO)

Le nevi del comprensorio del Monte Cimone, in provincia di Modena, hanno ospitato dal 3 al 5 febbraio 2011 il “9° Campionato Italiano di Sci della Protezione civile”. La manifestazione è stata una tre giorni intensa che ha visto come protagonisti, sulle splendide piste dell’Alto Appennino Modenese, oltre mille concorrenti provenienti da tutta Italia, e anche dalla vicina Repubblica di Slovenia: volontari e operatori di Protezione civile uniti dagli stessi valori e dalla stessa voglia di stare insieme in un momento di condivisione e aggregazione.

La Protezione civile della Regione Friuli Venezia Giulia è stata rappresentata da una squadra di oltre 30 atleti, composta da volontari dei Gruppi comunali di Protezione civile di Dogna, Fogliano Redipuglia, Majano, Monfalcone, Ronchi dei Legionari, Sagrado, Sacile e Trieste, e da dipendenti della Protezione Civile della Regione.

3 febbraio 2011 (1ª giornata)

Accreditamento partecipanti e riunione capisquadra 

Dalle 09.00 alle 18.00 di giovedì 3 febbraio i numerosi partecipanti alla kermesse sportiva si sono ritrovati nella Segreteria gare, ubicata presso il Bocciodromo di Sestola, per espletare tutte le pratiche relative all’iscrizione alle gare in programma (registrazione atleti; pagamento quota; ritiro pettorali da parte dei capisquadra; ritiro pacchi gara); a seguire si è svolta una riunione dei capisquadra.

Sfilata inaugurale e discorsi delle Autorità 

Verso le 19.00, subito dopo il suggestivo spettacolo pirotecnico che ha illuminato il Castello di Sestola, ha preso il via la sfilata inaugurale delle Squadre in gara, che da piazza Passerini hanno “marciato” a ritmo di banda fino a raggiungere il Palazzetto dello Sport. I numerosi componenti delle Rappresentative ufficiali di Protezione civile della Provincia Autonoma di Bolzano, della Provincia Autonoma di Trento, delle Regioni Abruzzo, Calabria, Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Lombardia, Marche, Piemonte, Sicilia, Toscana, Umbria, Valle d’Aosta, Veneto, oltre alle squadre del Dipartimento nazionale della Protezione civile e della Rivista “La Protezione civile Italiana” e ad una squadra composta da una delegazione Slovena, hanno invaso le vie del centro di Sestola, aprendo ufficialmente il “9° Campionato Italiano di Sci della Protezione civile”. A fare gli onori di casa e ad accogliere tutti i partecipanti, sul palco delle Autorità, il Sindaco di Sestola, Marco Bonucchi, il Sindaco di Fanano, Lorenzo Lugli, il Sindaco di Montecreto, Maurizio Cadegiani, il Sindaco di Riolunato, Giancarlo Cargioli, il Direttore dell’Agenzia Regionale di Protezione civile dell’Emilia Romagna, Demetrio Egidi, il dott. Roberto Giarola del Dipartimento Nazionale della Protezione civile e l'Assessore provinciale Stefano Vaccari. A seguire tutti i presenti si sono ritrovati in un momento conviviale per una degustazione a base di prodotti tipici regionali.

4 febbraio 2011 (2ª giornata)

Gara di Slalom Gigante 

Nella mattinata di venerdì 4 febbraio 2011, sui due tracciati delle piste Beccadella e Paletta, in località Passo del Lupo di Sestola, si è svolta la gara di Slalom Gigante. Gli atleti sono stati suddivisi in due gruppi: uomini (categorie dalla “A” alla “E”) e donne (categorie “A” e “B”).
Un sole splendente e un cielo azzurro hanno fatto da cornice alla prova, che ha visto ai cancelletti di partenza oltre mille partecipanti pronti a sfidarsi fino all’ultima porta. Al termine delle gare si sono svolte le premiazioni dei vincitori di categoria e dei vincitori assoluti.

“Notte bianca” a Fanano

A partire dalle ore 18.00 il comune di Fanano ha ospitato le quasi duemila persone che in questi giorni hanno invaso il comprensorio del Monte Cimone. Per l’occasione le cucine della Colonna Mobile del Volontariato di Protezione Civile della Regione Emilia Romagna hanno organizzato una “cena sotto le stelle” a base di prodotti tipici modenesi. Tra gli ospiti della serata il Capo Dipartimento della Protezione civile, dott. Franco Gabrielli, il Direttore dell’Agenzia Regionale di Protezione civile dell’Emilia Romagna, dott. Demetrio Egidi, e il Direttore centrale della Protezione civile del Friuli Venezia Giulia, dott. Guglielmo Berlasso. Il programma della "Notte bianca" è quindi proseguito con l’apertura al pubblico delle antiche cantine dei borghi medioevali, della chiesa di San Giuseppe e delle Confraternite; aperti per tutta la notte anche pub e locali del centro storico, e fino alle 23.00 anche il Palaghiaccio di Fanano; alle 21.00, poi, dal Lago della Ninfa è partita una suggestiva cjaspolata notturna con tanto di fiaccole per illuminare il tragitto.

5 febbraio 2010 (3ª giornata)

Gara di Sci di Fondo tecnica libera e gara di Snowboard 

Nella mattinata di sabato 5 febbraio 2011, sul circuito in località Cimoncino di Fanano, si sono svolte le gare di Sci di Fondo tecnica libera. Le prime categorie a prendere il via sono state le cinque maschili (dalla “A” alla “E”), che su un duro percorso di 5 km (un circuito di 2,5 km da ripetersi due volte), si sono sportivamente sfidate senza risparmiarsi. A seguire le atlete femminili, suddivise in due categorie, sono state impegnate sulla distanza dei 2,5 chilometri. Tutte le gare, complice la magnifica giornata di sole e il clima mite sono state seguite da un numeroso pubblico composto da volontari, ma anche da semplici appassionati, che a gran voce hanno sostenuto e incitato tutti gli atleti in pista. Intorno a mezzogiorno, poi, si sono svolte le premiazioni dei vincitori di categoria della gara di Fondo.
Verso le 12.45, presso lo Snowpark in località Le Polle di Riolunato, si è svolta la gara di Snowboard, disciplina che da quest’anno è divenuta ufficiale all’interno dei Campionati di sci della Protezione civile, contribuendo al punteggio delle squadre regionali.

Tavola Rotonda dal titolo “Il passato e il futuro della Protezione Civile Italiana” 

Si è svolto alle 18.00, presso il Bocciodromo di Sestola, una Tavola Rotonda dal titolo “Il passato e il futuro della Protezione Civile Italiana”. Il convegno è stata un’occasione di riflessione e confronto  incentrata sul tema dell’integrazione tra il Coordinamento nazionale e i Sistemi regionali di Protezione civile, per far fronte efficacemente alle emergenze e valorizzare la messa in sicurezza del territorio. Tra i relatori intervenuti: il Capo Dipartimento della Protezione civile Franco Gabrielli, l’Assessore regionale alla Protezione civile Paola Gazzolo, il Direttore dell’agenzia di Protezione civile dell’Emilia-Romagna Demetrio Egidi, il Direttore centrale della Protezione civile del Friuli Venezia Giulia Guglielmo Berlasso, il prof. Bernardo de Bernardinis, presidente dell’ISPRA (Istituto superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale). Ha moderato la discussione il Direttore della rivista nazionale “La Protezione Civile Italiana” Franco Pasargiklian.

Serata finale con premiazione delle Squadre partecipanti 

Alle ore 20.00, presso il Palazzetto dello Sport di Sestola, si è svolta la cerimonia di chiusura del “9° Campionato Italiano di sci della Protezione civile”. Volontari e operatori di Protezione civile si sono ritrovati “gomito a gomito” per un piacevole momento conviviale dove, in un clima di amicizia e fratellanza, tutti si sono sentiti parte di una stessa grande famiglia, quella della Protezione civile.
Alla cena conclusiva, a cura delle cucine della  Colonna Mobile di Protezione civile dell'Emilia Romagna, si sono alternate le premiazioni delle Squadre Regionali. La Rapprasentaiva della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia ha conseguito un 10° posto, su un totale di 18 formazioni partecipanti; 1° posto, invece, per la Provincia Autonoma di Trento.
Pienamente soddisfatto per la riuscita dell’evento si è detto il Capo Dipartimento Franco Gabrielli, che dopo aver ringraziato e salutato tutti i volontari presenti e gli organizzatori della Manifestazione, ha dato appuntamento alla 10ª edizione dei Campionati Italiani di Sci della Protezione civile – in programma tra un anno sulle nevi del Monte Rosa, in Valle d’Aosta – con l’auspicio di ritrovarsi tutti con lo stesso entusiasmo e la stessa voglia di confrontarsi sportivamente, all’insegna di quei valori e di quegli ideali che da sempre caratterizzano la Protezione civile.

CLASSIFICHE UFFICIALI CIMONE 2011