A Gorizia 4000 volontari partecipano alla "XIª Giornata del Volontariato di Protezione civile"

13 dicembre 2008
Gorizia

Nella mattinata di sabato 13 dicembre 2008, circa 4000 volontari di protezione civile, appartenenti ai 219 gruppi comunali di Protezione civile, alle 80 associazioni presenti nell’elenco regionale del volontariato e alle delegazioni di altre regioni italiane (Abruzzo, Emilia-Romagna, Lazio e Lombardia), della Carinzia e della Slovenia, hanno sfilato per le vie di Gorizia. La sfilata, partita dal Parco della rimembranza con in testa la fanfara della Brigata della cavalleria «Pozzuolo», si è conclusa al piazzale della Casa Rossa, dove erano stati allestiti il palco per i discorsi delle autorità ed il tendone per ospitare il momento conviviale a conclusione della giornata del volontariato.

La sfilata dei volontari nelle vie della città ha voluto rappresentare un momento d’incontro dei volontari e della popolazione, in quanto i gruppi comunali sono formati da comuni cittadini e d’altra parte l’opera dei volontari è a servizio della cittadinanza. La scelta del piazzale della Casa Rossa, fino ad un anno fa principale valico confinario tra Gorizia e la Slovenia, come luogo dei discorsi ufficiale ha voluto significare invece l’importanza dei rapporti di collaborazione ed interscambio di informazioni esistenti tra la Protezione civile del Friuli Venezia Giulia e le strutture di Protezione civile dei Paesi contermini: Slovenia ed Austria.

Sul palco delle autorità sono saliti l’Assessore regionale alla Protezione Civile, arch. Vanni Lenna, il Sindaco di Gorizia, avv. Ettore Romoli, il Prefetto di Gorizia, dott.essa Maria Augusta Marrosu, il Direttore centrale della Protezione civile della Regione Friuli Venezia Giulia, dott. Guglielmo Berlasso, l’Assessore comunale alla Protezione civile di Gorizia, dott. Francesco Del Sordi.

Il dott. Berlasso ha aperto l’incontro portando i saluti del Sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio dei Ministri e Capo Dipartimento della Protezione civile, dott. Guido Bertolaso, che non ha potuto essere presente in quanto trattenuto a Roma dall’emergenza maltempo che ha colpito la Capitale, inoltre il Direttore ha ricordato anche i Sindaci ed i volontari della Carnia e della Valcanale anch’essi assenti in quanto impegnati nei loro territori comunali a causa dell’emergenza dovuta alle copiose nevicate dei giorni 10, 11 e 12 dicembre.

Il Sindaco Ettore Romoli ha aperto i discorsi ufficiali con il saluto da parte della città ai volontari presenti. Il Sindaco, ricordando i vent’anni dalla creazione del primo nucleo cittadino di Protezione civile, ha ringraziato la Protezione civile della Regione per aver scelto quest’anno Gorizia come sede  della Giornata del Volontariato. Ha poi lodato lo spirito di sacrificio che anima i volontari di Protezione civile sempre disponibili, in caso di necessità, ad intervenire in qualsiasi ora e in qualsiasi luogo.

Il Prefetto Maria Augusta Marrosu, ha rimarcato l’importanza della collaborazione tra la Protezione Civile regionale e le componenti statali, sia tecniche che istituzionali, presenti sul territorio per garantire la sicurezza dei cittadini da eventi calamitosi ma anche per quanto attiene all’ordine pubblico; in tale ambito di collaborazione ha evidenziato l’importanza dell’inaugurazione della nuova sala operativa multimediale della Prefettura, dalla quale sarà possibile coordinarsi in tempo reale con tutte le altre componenti del sistema regionale di Protezione civile.

L’Assessore regionale alla Protezione Civile, Vanni Lenna, ha portato i saluti del Presidente della Regione, Renzo Tondo, a tutti i volontari di Protezione civile del Friuli Venezia Giulia. L’assessore ha ricordato che la Regione, con questa manifestazione, vuole ringraziare alla fine di ogni anno i volontari per l’efficienza e la prontezza con cui operano tutte le volte che c’è un’emergenza da affrontare. Inoltre ha sottolineato la grande capacità professionale e l’importante attività di coordinamento delle squadre che operano sul territorio svolto dai tecnici della Protezione civile della Regione.
L’arch. Lenna ha poi ricordato le principali emergenze che hanno colpito il Friuli Venezia Giulia nel 2008, menzionando in particolare il fortunale che ha colpito la fascia costiera del Friuli Venezia Giulia nella notte del 9 agosto. Ha evidenziato l’importanza delle opere di prevenzione realizzate dalla Protezione civile regionale che consentono di limitare i danni in caso di avversità atmosferiche come quella che ha investito la Val Canale il 15 agosto. L’Assessore ha voluto menzionare anche la nuova Sala Operativa Interforze del Centro Multifunzionale di Palmanova che a breve verrà inaugurata e che rappresenterà un ulteriore importante tassello del Sistema regionale di Protezione civile.
Infine, tra le altre attività svolte quest’anno dalla Protezione civile regionale, l’Assessore ha rimarcato l’importanza dell’attività di formazione per i volontari, dello stage per gli studenti delle scuole superiori e del progetto di definizione del Rischio Sismico di tutti gli Edifici Scolastici della Regione, attuato in collaborazione con le Università di Trieste e di Udine.
L’assessore ha concluso il discorso sottolineando che il Friuli Venezia Giulia grazie a questi risultati di eccellenza, da tutti riconosciuti, è la Regione capofila in materia di Protezione civile e punto di riferimento per le strutture di Protezione civile delle altre Regioni.

La cerimonia si è conclusa con la consegna, da parte dell'Assessore regionale alla Protezione Civile Vanni Lenna, di targhe ricordo ai rappresentanti istituzionali delle delegazioni delle strutture di Protezione civile della Slovenia e della Carinzia.
Il Direttore centrale dott. Berlasso ha inoltre consegnato i tesserini di appartenenza alla Protezione civile agli studenti dei quattro Istituti scolastici regionali che hanno aderito alla convenzione con la Protezione Civile della Regione: Istituto nautico di Trieste, ITI Malignani di Udine, ITI Kennedy di Pordenone, ISIT Galilei di Gorizia.

Le autorità si sono spostate quindi presso la Prefettura di Gorizia dove è stata inaugurata la nuova sala operativa multimediale che consente il collegamento tra la Prefettura, le Sale operative delle altre Prefetture regionali e la Sala operativa regionale della Protezione Civile di Palmanova.
Il prefetto Maria Augusta Marrosu ha ringraziato la Protezione civile della Regione per la realizzazione della  nuova sala operativa, sottolineando l’importanza di disporre di efficienti sistemi di comunicazione e di trasmissione dati tra le varie strutture che intervengono in caso di calamità.
Il dottor Berlasso ha spiegato che la realizzazione della sala operativa della Prefettura di Gorizia è frutto del protocollo firmato nel 2005 dall'Amministrazione Regionale con i quattro Prefetti della nostra Regione, che ha previsto la creazione di una sala operativa in ognuna delle Prefetture dei capoluoghi di provincia. Il Direttore della Protezione Civile regionale ha illustrato le apparecchiature e le tecnologie utilizzate per la nuova Sala operativa. Si è quindi proceduto al collegamento in videoconferenza  con le altre tre Prefetture dei capoluoghi provinciali della Regione. Le autorità presenti hanno così potuto constatare il perfetto funzionamento del sistema di videoconferenza.