Progetto DeLP - Seminario a Mendoza (Argentina) 25-27 Giugno

mendoza argentina protezione civile fvg
03/07/2018
Palmanova (UD)

Nell’ambito del progetto internazionale DeLP (Piano di intervento per la pianificazione e lo sviluppo locale nei processi di prevenzione/gestione/superamento dei rischi geologici e ambientali e l’impiego razionale delle risorse rurali), cofinanziato dalla Regione Friuli Venezia Giulia ex L.R. 19/2000, la Protezione Civile della Regione ha partecipato a un importante seminario che si è tenuto a Mendoza (Argentina).

Il seminario, che si è tenuto dal 25 al 27 giugno, ha avuto come tema il rischio sismico, i problemi sismici nelle opere civili e il ruolo della protezione civile.

Il rischio sismico è una materia particolarmente sentita nella città di Mendoza. Quest’ultima infatti sorge in una zona soggetta a tale rischio e fu colpita nel 1861 da un gravissimo terremoto che causò migliaia di vittime.

La Protezione civile della nostra Regione ha portato una testimonianza della propria esperienza sul tema, descrivendo l’organizzazione del sistema regionale e le metodologie adottate per affrontare il rischio sismico, dalla prevenzione, all’intervento in emergenza, fino all’attività nella post-emergenza e ricostruzione.

Sono stati inoltre illustrati i principali interventi della nostra Regione effettuati durante l’emergenza terremoto che ha colpito il Centro Italia nel 2016, come l’allestimento della tendopoli ad Amatrice, la costruzione del bypass stradale nella stessa Amatrice e naturalmente la costruzione della scuola di Sarnano avvenuta grazie ai fondi raccolti dalla Regione Friuli Venezia Giulia.

Un approfondimento sulle tecniche e sui materiali innovativi utilizzati proprio nella costruzione della scuola di Sarnano è stato affrontato nel corso dell’intervento del Direttore Generale del Polo Tecnologico di Pordenone Franco Scolari, presente all’incontro.

Il seminario è stato aperto dall’ingegnere Daniel Fernandez, Preside della Facoltà di Ingegneria dell'Università di Cuyo.

Il coordinamento locale è stato seguito dal professore Francisco Mingorance, Capo dell’Area di Geologia dei terremoti e pericolo sismico dell’Istituto di Meccanica Strutturale e Rischio Sismico (IMERIS) e dal professore Arnaldo Barchiesi, responsabile dell'area geotecnica di IMERIS.

Entrambi hanno presentato i risultati dei propri lavori sul rischio sismico, illustrando le criticità peculiari sul tema del territorio della provincia di Mendoza e i metodi utilizzati per analizzare e affrontare le problematiche conseguenti.

Nel corso degli interventi è stata sottolineata l’importanza del reciproco scambio di informazioni sulla ricerca e sulle metodologie che si è instaurato nell’ambito del progetto internazionale DeLP.

Al seminario erano presenti anche rappresentanti della Defensa Civil di diverse province dell’Argentina. In particolare, il Direttore provinciale della Defensa Civil di Mendoza Daniel Burrieza è intervenuto per illustrare l’organizzazione della propria struttura, indicandone le prospettive future.

I tecnici di OGS Milton Plasencia e Francesco Palmieri hanno partecipato all’incontro descrivendo rispettivamente l’architettura e il funzionamento della rete di monitoraggio sismico utilizzata dalla Protezione civile del Friuli Venezia Giulia e l’utilizzo della ricerca gravimetrica nel campo del rischio sismico, con esempi dei risultati raggiunti.

I partner del progetto DeLP sono:

  • OGS - Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale, capofila;
  • Comune di Monfalcone;
  • Associazione Agricoltori/Kmečka Zveza;
  • IMERIS (Instituto de Mecánica Estructural y Riesgo Sísmico) presso università di Cuyo;
  • Camera di Commercio Italiana nella Repubblica Argentina;
  • Università Nazionale di La Plata.

Per la Protezione Civile della Regione era presente il funzionario Raffaele Lotto, intervistato qui: http://ingenieria.uncuyo.edu.ar/experiencias-italianas-sirven-de-ejemplo-para-dar-respuesta-a-emergencias-sismicas-en-mendoza

Notizia su sito Università di Cuyo: http://ingenieria.uncuyo.edu.ar/cientificos-italianos-y-argentinos-tratan-el-peligro-sismico-en-mendoza