Protezione Civile della Regione e Arpa: a Udine la firma del protocollo d'intesa

giovedì 29 giugno 2006
Udine

Nell’ambito delle sue funzioni istituzionali volte alla gestione delle emergenze idrogeologiche e della valutazione dei rischi incombenti sul territorio, la Protezione civile della Regione Friuli Venezia Giulia, nella persona del Vice Presidente della Giunta Ragionale Gianfranco Moretton,  giovedì 29 giugno 2006 alle ore 10 presso il Palazzo della Regione di Udine, firmerà il protocollo d’intesa con l’Agenzia  Regionale per la Protezione dell’Ambiente del Friuli Venezia Giulia (ARPA).
La finalità che si vuole perseguire con questo protocollo è il potenziamento del Sistema integrato regionale di Protezione civile mediante la connessione delle reti di monitoraggio metereologico del territorio regionale e del Radar meteorologico di Fossalon di Grado, gestiti dall’OSMER-ARPA, alla Sala Operativa di Palmanova, quale fondamentale supporto all’attività di sorveglianza idropluviometeorologica svolta.
Infatti, la firma di questo protocollo consentirà alla stessa Sala Operativa di Palmanova, definita Centro funzionale responsabile dello scambio dati e coordinamento delle valutazioni e delle azioni con gli altri Centri Funzionali presenti sul territorio nazionale e con il Dipartimento Nazionale di Protezione civile, il completamento della rete regionale integrata di monitoraggio del territorio ai fini di protezione civile.
La Protezione civile della Regione, in questo modo, incrementerà la sua capacità di previsione, definizione e analisi dell’evoluzione di eventuali scenari meteorologici di rischio, a garanzia della salvaguardia e tutela dell’integrità della vita, dei beni e dell’ambiente.
A livello operativo, la connessione avverrà entro sessanta giorni dalla sottoscrizione del protocollo e presso la SOR - Centro Funzionale di Protezione civile di Palmanova, nodo nevralgico di collegamento, verifica e divulgazione dati, verrà installata la strumentazione informatica idonea a supportare il nuovo flusso di informazioni, provenienti in tempo reale dalle reti e dal radar meteorologici.
Queste le parole di Gianfranco Moretton, a pochi giorni dalla firma: “ Il protocollo rafforza una collaborazione da tempo esistente tra la Protezione civile della Regione e l’ARPA, che ha già avuto un fruttuoso esito nella campagna di rilevazione delle radon pron areas sul territorio del Friuli Venezia Giulia. E’ una sinergia operativa che avrà rilevanza nazionale e che porterà alla creazione di un sistema di monitoraggio all’interno del quale, le reti di monitoraggio metereologico del territorio regionale e il Radar meteorologico, finora gestiti dall’ARPA e l’OSMER, diventeranno parte integrante del sistema regionale integrato di Protezione civile. Si avrà a disposizione un ulteriore strumento per affrontare efficacemente l’incessante battaglia contro le calamità naturali e l’attività di previsione necessaria ad abbassare sempre di più il livello di rischio.”