Si è riunita nella sede operativa di Palmanova la Commissione Speciale di Protezione civile coordinata dalla Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia

24 giugno 2013
Palmanova (UD)

Lunedì 24 giugno 2013 presso la sede della Protezione civile del Friuli Venezia Giulia a Palmanova si è riunita, in seduta politica, la Commissione Speciale di Protezione civile, presieduta dall'Assessore regionale alla Protezione civile del Friuli Venezia Giulia, avv. Paolo Panontin, in qualità di coordinatore nazionale degli assessori regionali alla Protezione civile. All'incontro hanno preso parte il Capo Dipartimento della Protezione civile, dott. Franco Gabrielli, la Presidente del Friuli Venezia Giulia, avv. Debora Serracchiani, il Responsabile del governo del territorio e ambiente, protezione civile, infrastrutture e energia della Conferenza delle Regioni e delle Province Autonome, avv. Paolo Fossati, il Direttore dell'Ufficio relazioni istituzionali del Dipartimento nazionale, dott. Vincenzo Spaziante, il Direttore centrale della Protezione civile del Friuli Venezia Giulia, dott. Guglielmo Berlasso, gli assessori e i direttori delle strutture regionali di protezione civile, i dirigenti del Dipartimento nazionale, dott. Luigi D’Angelo, dott. Immacolata Postiglione e dott. Paola Pagliara. La seduta è stata il momento ufficiale di passaggio delle consegne dalla Provincia Autonoma di Trento, rappresentata dal Dirigente Generale del Dipartimento di Protezione civile, ing. Roberto Bertoldi, alla Regione Friuli Venezia Giulia del ruolo di Regione capofila della Commissione speciale per la Protezione civile della Conferenza delle Regioni e delle Province Autonome.
L'evento, che si è svolto nella nuova Sala Situazioni del Centro Funzionale e di Coordinamento dei Soccorsi, si è aperto con i saluti alle autorità del Sindaco di Palmanova, dott. Francesco Martines.
L'Assessore regionale alla Protezione civile del Friuli Venezia Giulia, Paolo Panontin, ha iniziato il suo intervento ringraziando gli assessori e i direttori delle strutture regionali di protezione civile partecipanti alla seduta. Ha quindi rimarcato l'importanza di un tale tavolo di collaborazione tra Stato e Regioni sia nei casi di eventi calamitosi ma anche per la risoluzione delle tematiche che riguardano il sistema nazionale di Protezione civile. Panontin ha quindi sottolineato come tale rapporto di collaborazione e di interscambio di informazione tra le diverse strutture sia fondamentale anche per le attività di prevenzione e di monitoraggio del territorio.
La Presidente del Friuli Venezia Giulia, Debora Serracchiani, ha evidenziato la necessità di creare un sistema in rete sia tra Regioni italiane ma anche tra gli Stati dell'Unione europea in grado di affrontare le emergenza, talvolta causate da scelte sbagliate, in termini di urbanizzazione, consumo del suolo, disboscamento, ma anche per attuare una corretta politica di prevenzione. La Presidente ha inoltre lodato i volontari che sono il fulcro della Protezione civile, garantendo sempre la loro disponibilità nelle emergenze. ''Questo tavolo di coordinamento - ha concluso la dottoressa Serracchiani - è utile se permette di sviluppare una collaborazione tra le diverse realtà regionali sempre più forte, coesa e utile alle nostre comunità''.
È quindi intervenuto il Capo del Dipartimento Franco Gabrielli che, prendendo spunto dagli eventi sismici in Lunigiana, ha voluto rimarcare l'importanza e la necessità da parte di tutte le regioni di concorrere con il Dipartimento nazionale nei casi di emergenze sul territorio nazionale. Il Capo Dipartimento ha lodato la Protezione civile del Friuli Venezia Giulia, in quanto rappresenta un elemento di eccellenza a livello nazionale, ed ha auspicato che il coordinamento del Friuli Venezia Giulia possa contribuire a migliorare ed omogeneizzare tutte le strutture regionali di protezione civile. Il dottor Gabrielli ha quindi aperto formalmente i lavori della seduta della Commissione Speciale introducendo i temi tecnici all’ordine del giorno.



video
Servizio del TG Regionale delle ore 14:00 del 24 giugno 2013 (formato Windows Media Video)