Visita di una delegazione di Professori della Facoltà di Agraria dell'Università degli Studi di Padova alla Sede Regionale della Protezione civile di Palmanova

27 giugno 2011
Palmanova (UD)

Lunedì 27 giugno 2011 il direttore centrale della Protezione civile della Regione, dott. Guglielmo Berlasso, ha accolto presso la sede regionale della Protezione civile di Palmanova il Preside della Facoltà di Agraria dell’Università degli Studi di Padova, prof. Giancarlo Dalla Fontana, accompagnato dal prof. Sergio Fattorelli, Professore Ordinario della stessa Facoltà, dal prof. Federico Cazorzi, docente della Facoltà di Agraria dell’Università degli Studi di Udine e dal prof. Paolo Tarolli docente Facoltà di Agraria dell’Università degli Studi di Ancona.
Il Direttore Berlasso ha spiegato agli ospiti come è architettato il sistema regionale di Protezione civile e li ha accompagnati nella visita del Centro Operativo. Inizialmente la delegazione dei Professori dell’Università di Padova ha visitato il polo cartografico dove ha potuto visionare alcuni degli avanzati sistemi di monitoraggio del territorio di cui la Protezione civile regionale si avvale, in particolare i tecnici hanno mostrato le elaborazioni ottenibili con il laser scanner terrestre e quelle realizzate tramite il laser scanner elitrasportato. Il Direttore centrale ha quindi mostrato agli ospiti il centro di calcolo, la Sala Operativa Regionale (SOR) e la sala emergenze che, al momento, costituiscono la struttura tecnologico-informatica del Centro operativo. Infine il dottor Berlasso ha fatto vedere agli ospiti il nuovo centro multifunzionale - in avanzata fase di ultimazione -, all’interno del quale verrà allestita, tra l’altro, la sala interforze per la gestione delle emergenze, che disporrà di strumentazioni all’avanguardia a livello mondiale per permettere di gestire e coordinare qualsiasi situazione di pericolo.
Il professor Dalla Fontana, anche a nome degli altri componenti della delegazione, ha espresso viva ammirazione per le tecnologie utilizzate nella realizzazione del Centro Operativo regionale, che lo rendono una delle strutture maggiormente all'avanguardia a livello europeo.