Individuazione delle aree di emergenza del Comune di Rive d'Arcano (UD)

aprile 2014
Rive d'Arcano (UD)

Il piano che individua le aree per il soccorso alla popolazione del Comune di Rive d'Arcano, in caso di calamità, è stato redatto dopo quattro anni di lavoro. Il piano di emergenza è stato redatto in collaborazione con il locale gruppo di Protezione civile in sinergia con la SOR della Protezione civile Regionale di Palmanova e ha la finalità di individuare sul territorio le aree di prima emergenza nel caso di evento sismico o idrogeologico tali da garantire sicurezza e tempestività negli interventi di soccorso alla popolazione. «Nel dettaglio – spiega il sindaco Gabriele Contardo e il consigliere delegato alla Pc Giovanni Masotti – sei sono le “aree di attesa” corrispondenti ai sei paesi più popolosi: il municipio per il capoluogo, il centro sportivo per Rodeano Basso, la piazza per Rodeano Alto, un piazzale-parcheggio per Rivotta in via Fagagna, la piazza per Giavons e l’ingresso nord del parco urbano “Pasc” per Pozzalis. Le “aree di ricovero coperte”, invece, saranno i 2 edifici del centro civico, la scuola primaria e dell’infanzia a Rive d’Arcano, il bocciodromo a Raucicco, la palestra a Rodeano Basso, “quelle scoperte” da adibire a tendopoli: Pozzalis (3300 mq per 160 posti), Giavons (25 mila mq per 1200 posti), Rodeano Alto (82 mila mq per 4000 posti) e 2 aree nel capoluogo per un totale di 23 mila mq per 1200 posti. A Rodeano Alto troveranno posto soccorritori e mezzi; l’elisuperficie sarà invece ubicata nel campo sportivo di Rodeano Basso».