INCONTRI CON I VOLONTARI DELL'ASSESSORE PAOLO PANONTIN E DEL DIRETTORE DOTT LUCIANO SULLI

28/01/2015
Pordenone
In questi giorni l’Assessore Paolo Panontin ha avviato una serie di incontri con i volontari di Protezione civile del FVG e gli amministratori comunali per presentare il nuovo Direttore centrale dott. Luciano Sulli e illustrare le linee di indirizzo della nuova gestione della struttura regionale.
Una bella occasione di confronto e di ascolto che ha permesso anche di raccogliere le esigenze dei vari Gruppi in vista dei cambiamenti apportati sull’assetto istituzionale degli enti locali dalla recente riforma regionale (L.R. 26/2014).
L’Assessore ha spiegato, infatti, ai numerosi Volontari e Sindaci il nuovo sistema delle Unioni Territoriali Intercomunali e come queste si rifletteranno sulle organizzazioni dei Gruppi comunali. La gestione di base imperniata sul singolo Comune - ha evidenziano Paolo Panontin – tuttavia non cambierà e, quindi i volontari continueranno a operare, come hanno sempre fatto, sotto la responsabilità del Sindaco, che potrà contare sul loro elevato livello di professionalità e capacità.
L’assessore ha espresso tutta la sua riconoscenza e stima per l’attività prestata nel 2014 dai volontari, impegnati  in numerose emergenze, causate soprattutto dal maltempo, su buona parte del territorio regionale e ha sottolineato come, grazie alla prevenzione sul territorio e all’operato dell’intero sistema integrato di protezione civile, siano stati limitati i danni a infrastrutture, abitazioni  e persone, nonostante gli eccezionali livelli delle precipitazioni.
Il nuovo Direttore centrale della Protezione civile, dott. Luciano Sulli ha posto l’accento su due obiettivi fondamentali: il territorio, visto soprattutto come ambiente socio-economico, e il volontariato. L’attenzione al territorio deriva dalle sue precedenti esperienze professionali che l’hanno visto direttamente coinvolto nella gestione delle squadre degli operai forestali impegnati per la manutenzione delle opere di difesa e dalla conoscenza delle criticità idrogeologiche del territorio regionale.
Mentre la conoscenza del mondo del volontariato, risorsa fondamentale e punta di diamante del nostro sistema regionale di Protezione civile, gli deriva dall’esperienza amministrativa maturata presso un Comune di montagna, dove ha potuto seguire di persona le dinamiche connesse  alla gestione delle diverse fasi emergenziali.
Infine, dopo aver espresso ai volontari il proprio apprezzamento per la numerosa partecipazione, l’Assessore e il Direttore hanno invitato Sindaci e Coordinatori ai prossimi incontri che si terranno per presentare il funzionamento del nuovo Centro Funzionale Decentrato e i Piani Comunali di Protezione civile.