EMERGENZA CORONAVIRUS (COVID19): NORMATIVA VIGENTE

PAGINA IN COSTANTE AGGIORNAMENTO 

Gli aggiornamenti sulla normativa nazionale può essere repereita direttamente al link dedicato del sito del Governo:

Normativa nazionale 

Il 2 marzo 2021 il Presidente Mario Draghi ha firmato il nuovo Dpcm che detta le misure di contrasto alla pandemia e di prevenzione del contagio da COVID-19. Il DPCM sarà in vigore dal 6 marzo al 6 aprile 2021 e conferma, fino al 27 marzo, il divieto già in vigore di spostarsi tra regioni o province autonome diverse, con l’eccezione degli spostamenti dovuti a motivi di lavoro, salute o necessità. Nel pomeriggio i Ministri Gelmini e Speranza, insieme al Presidente dell’ISS Brusaferro e al Presidente del Consiglio superiore di Sanità Locatelli, hanno illustrato in conferenza stampa le principali novità e le misure confermate dal decreto.

DPCM 2 MARZO 2021

FAQ

Da lunedì 1 febbraio 2021

Il ministro della Salute, Roberto Speranza, ha firmato due nuove Ordinanze il 29 gennaio 2021, che saranno in vigore dal 1* febbraio, in base ai dati e alle indicazioni della Cabina di regia.

La prima classifica in area gialla le Regioni Calabria, Emilia Romagna, Lombardia e Veneto.

La seconda classifica in area arancione Sicilia e Provincia autonoma di Bolzano, oltre a confermare sempre in area arancione Puglia e Umbria.

Complessivamente, quindi, la ripartizione delle Regioni e Province Autonome nelle aree gialla, arancione e rossa è la seguente, a partire dal 1° febbraio:

  • area gialla: Abruzzo, Calabria, Campania, Basilicata, Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Lombardia, Liguria, Marche, Molise, Piemonte, Provincia autonoma di Trento, Toscana, Valle d’Aosta, Veneto
  • area arancione: Provincia Autonoma di Bolzano, Puglia, Sardegna, Sicilia, Umbria.
  • area rossa: nessuna Regione

approfondimenti sul sito del Ministero della Salute 

Norme vigenti dal 16 gennaio e fino al 5 marzo 2021

Il DL 14/1/2021 n.2   e   Dpcm 14/1/2021  hanno disposto l’applicazione di misure restrittive per il contenimento del contagio da COVID-19.

PROROGA DELLO STATO D’EMERGENZA DOVUTO ALLA PANDEMIA DA COVID-19

Il Consiglio dei Ministri, su proposta del Presidente Giuseppe Conte, vista la nota del Ministro della salute e il parere del Comitato tecnico scientifico, ha deliberato la proroga, fino al 30 aprile 2021, dello stato d’emergenza dichiarato in conseguenza della dichiarazione di “emergenza di sanità pubblica di rilevanza internazionale” da parte della Organizzazione mondiale della sanità (OMS).

COVID-19, MISURE PER IL CONTENIMENTO DEL CONTAGIO

Ulteriori disposizioni urgenti in materia di contenimento e prevenzione dell’emergenza epidemiologica da COVID-19 e di svolgimento delle elezioni per l’anno 2021 (decreto-legge)

Il Consiglio dei Ministri, su proposta del Presidente Giuseppe Conte e del Ministro della salute Roberto Speranza, ha approvato un decreto-legge che introduce ulteriori disposizioni urgenti per il contenimento della diffusione del COVID-19.

Il testo proroga, al 30 aprile 2021, il termine entro il quale potranno essere adottate o reiterate le misure finalizzate alla prevenzione del contagio ai sensi dei decreti-legge n. 19 e 33 del 2020.

Il decreto conferma, fino al 15 febbraio 2021, il divieto già in vigore di ogni spostamento tra Regioni o Province autonome diverse, con l’eccezione di quelli motivati da comprovate esigenze lavorative, situazioni di necessità o motivi di salute. È comunque consentito il rientro alla propria residenza, domicilio o abitazione.

Inoltre, dal 16 gennaio 2021 e fino al 5 marzo 2021, sull’intero territorio nazionale si applicano le seguenti misure:

  • è consentito, una sola volta al giorno, spostarsi verso un’altra abitazione privata abitata, tra le 5.00 e le ore 22.00, a un massimo di due persone ulteriori a quelle già conviventi nell’abitazione di destinazione. La persona o le due persone che si spostano potranno comunque portare con sé i figli minori di 14 anni (o altri minori di 14 anni sui quali le stesse persone esercitino la potestà genitoriale) e le persone disabili o non autosufficienti che con loro convivono. Tale spostamento può avvenire all’interno della stessa Regione, in area gialla, e all’interno dello stesso Comune, in area arancione e in area rossa, fatto salvo quanto previsto per gli spostamenti dai Comuni fino a 5.000 abitanti;
  • qualora la mobilità sia limitata all’ambito territoriale comunale, sono comunque consentiti gli spostamenti dai comuni con popolazione non superiore a 5.000 abitanti e per una distanza non superiore a 30 chilometri dai relativi confini, con esclusione in ogni caso degli spostamenti verso i capoluoghi di provincia;
  • è istituita una cosiddetta area “bianca”, nella quale si collocano le Regioni con uno scenario di “tipo 1”, un livello di rischio “basso” e una incidenza dei contagi, per tre settimane consecutive, inferiore a 50 casi ogni 100.000 abitanti. In area “bianca” non si applicano le misure restrittive previste dai decreti del Presidente del Consiglio dei ministri (DPCM) per le aree gialle, arancioni e rosse ma le attività si svolgono secondo specifici protocolli. Nelle medesime aree possono comunque essere adottate, con DPCM, specifiche misure restrittive in relazione a determinate attività particolarmente rilevanti dal punto di vista epidemiologico.

In considerazione della necessità di agevolare l’attuazione del piano vaccinale per la prevenzione del contagio da COVID-19, in coerenza con le vigenti disposizioni europee e nazionali in materia di protezione dei dati personali, è istituita, una piattaforma informativa nazionale idonea ad agevolare, sulla base dei fabbisogni rilevati, le attività di distribuzione sul territorio nazionale delle dosi vaccinali, dei dispositivi e degli altri materiali di supporto alla somministrazione, e il relativo tracciamento. Inoltre, su istanza della Regione o Provincia autonoma interessata, la piattaforma nazionale esegue, in sussidiarietà, le operazioni di prenotazione delle vaccinazioni, di registrazione delle somministrazioni dei vaccini e di certificazione delle stesse, nonché le operazioni di trasmissione dei dati al Ministero della salute.

In considerazione del permanere dell’emergenza e dell’evoluzione del quadro epidemiologico, su tutto il territorio nazionale:

  • le elezioni suppletive per i seggi della Camera dei deputati e del Senato della Repubblica dichiarati vacanti entro il 28 febbraio 2021 si svolgono entro il 20 maggio 2021;
  • le elezioni dei Comuni i cui organi sono stati sciolti ai sensi dell'articolo 143 del Testo unico delle leggi sull'ordinamento degli enti locali, già indette per le date del 22 e 23 novembre 2020, sono rinviate e si svolgono entro il 20 maggio 2021. Fino al rinnovo degli organi di cui al primo periodo è prorogata la durata della gestione della commissione straordinaria;
  • i permessi di soggiorno in scadenza entro il 30 aprile 2021 sono prorogati alla medesima data.

Le misure previste nel nuovo Dpcm che sostituisce il Dpcm 3 dicembre 2020 che scade il 15 gennaio 2020.

I principali punti del nuovo Dpcm che sostituirà quello emanato il 3 dicembre 2020 sono i seguenti:

  • confermate le misure di contenimento già vigenti e il modello di suddivisione in fasce differenziate di rischio;
  • prevista l’introduzione di una quarta area, bianca, in cui potranno rientrare solo le Regioni e Province Autonome con bassa incidenza del virus, vale a dire con incidenza sotto i 50 casi ogni 100mila abitanti e Rt sotto a 1;
  • confermato il divieto di spostamenti tra Regioni, anche per quelle in zona gialla;
  • prevista la riapertura dei musei nelle Regioni in area gialla;
  • riduzione degli assembramenti negli spazi antistanti i locali pubblici a rischio di aggregazione attraverso la limitazione dell'asporto per i bar a partire dalle 18;
  • confermata l'indicazione di poter ricevere a casa massimo due persone non conviventi, come già avvenuto durante le vacanze di Natale
  • ingresso in area arancione di tutte le regioni a rischio alto, secondo i 21 parametri definiti dal DM del 30 di aprile.

Le fonti delle notizie riportate sono www.governo.it e www.salute.gov.it   cui si rimanda per gli approfondimenti e gli aggiornamenti 

da lunedì 11 gennaio

Il ministro della Salute, Roberto Speranza, ha firmato nuove Ordinanze sulla base dei dati e delle indicazioni della Cabina di Regia (DM 30 aprile 2020), che si è riunita l'8 gennaio 2021.

Le Ordinanze, che saranno in vigore da domenica 10 gennaio 2021, collocano in area arancione le Regioni Calabria, Emilia Romagna, Lombardia, Sicilia e Veneto.

Complessivamente, quindi, la ripartizione delle Regioni e Province Autonome nelle aree gialla, arancione e rossa è la seguente, a partire da lunedì 11 gennaio:

  • area gialla: Abruzzo, Campania, Basilicata, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Marche, Molise, Piemonte, Provincia Autonoma di Bolzano, Provincia autonoma di Trento, Puglia, Sardegna, Toscana, Umbria, Valle d’Aosta
  • area arancione: Calabria, Emilia Romagna, Lombardia, Sicilia e Veneto
  • area rossa: (nessuna Regione).

Restano in vigore le restrizioni previste dal decreto-legge 5 gennaio 2021, n. 1.

Il Consiglio dei Ministri, su proposta del Presidente Giuseppe Conte e del Ministro della salute Roberto Speranza, ha approvato il decreto-legge  5 gennaio 2021 n.1 che introduce ulteriori disposizioni urgenti in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-19.

Questi i punti principali:

Dal 7 al 15 gennaio 2021 stop spostamenti tra Regioni

Per il periodo compreso tra il 7 e il 15 gennaio 2021, sono vietati, su tutto il territorio nazionale, gli spostamenti tra regioni o province autonome diverse, tranne che per comprovate esigenze lavorative, situazioni di necessità o motivi di salute. È comunque consentito il rientro alla propria residenza, domicilio o abitazione, con esclusione degli spostamenti verso le seconde case ubicate in altra regione o provincia autonoma

Weekend 9-10 gennaio in zona arancione con deroga "piccoli Comuni" confermata

Nei giorni 9 e 10 gennaio 2021, si applicano, su tutto il territorio nazionale, le misure previste per la cosiddetta “zona arancione” (articolo 2 del decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 3 dicembre 2020). Saranno comunque consentiti, negli stessi giorni, gli spostamenti dai Comuni con popolazione fino a 5.000 abitanti, entro 30 chilometri dai relativi confini, con esclusione degli spostamenti verso i capoluoghi di provincia.

COVID-19, PREVENZIONE DEL CONTAGIO DURANTE IL PERIODO FESTIVO

Ulteriori disposizioni urgenti per fronteggiare i rischi sanitari connessi alla diffusione del virus COVID-19 (decreto-legge)

Il Consiglio dei Ministri, su proposta del Presidente Giuseppe Conte e del Ministro della salute Roberto Speranza, ha approvato un decreto-legge che introduce ulteriori disposizioni urgenti per fronteggiare i rischi sanitari connessi alla diffusione del virus COVID-19.

Ferme restando le disposizioni già introdotte dal decreto-legge 2 dicembre 2020, n. 158, in materia di spostamenti all’interno o per il territorio nazionale nel periodo compreso tra il 21 dicembre 2020 e il 6 gennaio 2021, il testo prevede che:

  • nei giorni festivi e prefestivi compresi tra il 24 dicembre 2020 e il 6 gennaio 2021, sull’intero territorio nazionale, si applicano le misure previste dal decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 3 dicembre 2020 per le cosiddette “zone rosse”, cioè le aree caratterizzate da uno scenario di massima gravità e da un livello di rischio alto;
  • nei giorni 28, 29, 30 dicembre 2020 e 4 gennaio 2021, sull’intero territorio nazionale, si applicano le misure previste dal decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 3 dicembre 2020 per le cosiddette “zone arancioni”, cioè le aree caratterizzate da uno scenario di elevata gravità e da un livello di rischio alto. Negli stessi giorni, sono tuttavia consentiti gli spostamenti dai Comuni con popolazione massima di 5.000 abitanti verso località distanti non più di 30 chilometri, con esclusione in ogni caso degli spostamenti verso i capoluoghi di provincia;
  • oltre agli spostamenti già consentiti, nel periodo compreso tra il 24 dicembre 2020 e il 6 gennaio 2021, tra le ore 5.00 e le ore 22.00, è consentito, una sola volta al giorno, spostarsi, in un massimo di due persone, verso una sola abitazione privata della propria regione. Alla persona o alle due persone che si spostano potranno accompagnarsi i figli minori di 14 anni (o altri minori di 14 anni sui quali le stesse persone esercitino la potestà genitoriale) e le persone disabili o non autosufficienti che con queste persone convivono.

Il decreto, infine, prevede lo stanziamento di 645 milioni di euro da destinare al ristoro immediato delle attività di somministrazione di alimenti e bevande che vedranno un calo del fatturato a causa delle misure disposte a tutela della salute. Tali attività riceveranno un contributo pari a quello già ottenuto in seguito all’approvazione del cosiddetto “decreto rilancio” (decreto-legge 19 maggio 2020, n. 34).

Testo Decreto Natale Decreto legge 18/12/2020

Il ministro della Salute, Roberto Speranza, ha firmato tre nuove Ordinanze sulla base dei dati della Cabina di Regia (DM 30 aprile 2020) che si è tenuta il 4 dicembre. Le Ordinanze saranno in vigore dal 6 dicembre 2020

La terza Ordinanza dispone il passaggio delle Regioni Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Marche, Puglia e Umbria dall’area arancione a quella gialla.

Complessivamente, quindi, la ripartizione delle Regioni e Province Autonome nelle aree gialla, arancione e rossa dal 6 dicembre sarà:

  • area gialla: Emilia Romagna,  Friuli Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Marche, Molise, Provincia autonoma di Trento, Puglia, Sardegna, Sicilia, Umbria, Veneto 
  • area arancione: Basilicata, Calabria, Campania, Lombardia, Piemonte, Provincia Autonoma di Bolzano, Toscana, Valle d’Aosta
  • area rossa: Abruzzo

DPCM 3/12/2020 Il Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, ha firmato il Dpcm del 3 dicembre contenente le nuove misure per fronteggiare l'emergenza epidemiologica da Covid-19. Le disposizioni del decreto si applicano dalla data del 4/12/2020, in sostituzione di quelle del decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 3/11/2020 e sono efficaci fino al 15/1/2021.

DPCM 3/11/2020 Ulteriori disposizioni attuative del decreto-legge 25 marzo 2020, n. 19, convertito, con modificazioni, dalla legge 25 maggio 2020, n. 35, recante «Misure urgenti per fronteggiare l'emergenza epidemiologica da COVID-19», e del decreto-legge 16 maggio 2020, n. 33, convertito, con modificazioni, dalla legge 14 luglio 2020, n. 74, recante «Ulteriori misure urgenti per fronteggiare l'emergenza epidemiologica da COVID-19». 
(GU Serie Generale n.275 del 04-11-2020 - Suppl. Ordinario n. 41)

In data  7/11/2020, sono state pubblicate le FAQ  (risposte a domande frequenti) riferite al DPCM 3/11/2020 

http://www.governo.it/it/coronavirus

Ordinanza Ministero Salute 27 novembre, rinnovo della classificazione di rischio Arancione per la regione Friuli Venezia giulia fino al 3 dicembre prossimo, data di scadenza del DPCM 3.11.2020.

Ordinanza Ministero Salute 19 novembre, rinnova fino al 3 dicembre prossimo le misure disposte lo scorso 4 novembre. Le Regioni Puglia e Sicilia rimangono in zona arancione e le Regioni Calabria, Lombardia, Piemonte e Valle d’Aosta in zona rossa. Resta ferma la possibilità di nuove classificazioni prevista dal Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 3 novembre 2020.

Ordinanza Ministero salute 20 novembre, dispone il passaggio della Regione Abruzzo dalla zona arancione alla zona rossa. Le disposizioni del provvedimento entreranno in vigore il 22 novembre e resteranno vigenti fino al 3 dicembre 2020. 

La ripartizione delle Regioni nelle diverse aree è attualmente la seguente:

  • area gialla: Lazio, Molise, Provincia autonoma di Trento, Sardegna, Veneto
  • area arancione: Basilicata, Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Marche, Liguria, Puglia, Sicilia, Umbria
  • area rossa: Abruzzo, Calabria, Campania, Lombardia, Piemonte, Toscana, Valle d'Aosta, Provincia Autonoma di Bolzano.

Ordinanza Ministro della Salute 13/11/2020. In data 13/11/2020 è stato comunicato dal Ministro della Salute Roberto Speranza la firma di una nuova ordinanza che prevede l'inserimento della regione Friuli Venezia Giulia in area di rischio ARANCIONE con le restrizioni del caso . Per l'area di rischio ARANCIONE restano confermate le prescrizioni previste per l'area di rischio GIALLA cui si aggiunge il divieto di circolazione tra Comuni e tra Regioni ad eccezione di comprovati motivi di necessità e per motivi di lavoro, salute, studio con autodichiarazione per gli spostamenti (modulo). E' disposta inoltre la chiusura dei Bar e ristoranti con possibilità di asporto fino alle ore  22:00 e consegna al domicilio sempre consentita. 

http://www.salute.gov.it/portale/home.html

L'ordinanza del Presidente della Regione n. 42/PC/FVG è stata revocata l'ordinanza n. 41/PC/FVG - regione.fvg.it

 

Focus: Cittadini Italiani in rientro dall'estero e cittadini stranieri in Italia 

tutte le informazioni utili Ministero degli Esteri - Farnesina

Considerato l’aggravarsi della situazione epidemiologica in Europa, la Farnesina raccomanda a tutti i connazionali di evitare viaggi all’estero se non per ragioni strettamente necessarie. Si fa altresì presente che considerato l’alto numero dei contagi in molti Paesi europei, non si possono escludere future ulteriori restrizioni agli spostamenti che rischierebbero di complicare eventuali rientri in Italia. Analoghe problematiche di rimpatrio potrebbero verificarsi, con incidenza ben più grave, in caso di viaggi verso destinazioni extra-UE. Si ricorda che è disponibile all'indirizzo: https://infocovid.viaggiaresicuri.it/ un questionario interattivo per verificare la normativa italiana in vigore in merito agli spostamenti da/per l’estero.

Focus SLOVENIA aggiornamento del 13/11/2020. La Slovenia considera tre liste di Paesi a seconda del rischio epidemiologico (lista verde, arancione e rossa) e il livello di controllo e le limitazioni all’accesso dipendono dalla lista in cui il Paese di provenienza si trova. Dal 12 ottobre è in vigore una modifica alle liste rosse e verdi di Paesi considerati epidemiologicamente a rischio o sicuri. Maggiori dettagli a questo link: https://www.gov.si/it/argomenti/sars-cov-2/attraversamento-dei-confini/Dal 16 novembre l'Italia è  in lista rossa. Chi proviene da un paese in Lista Rossa deve fare una quarantena di 10 giorni all'ingresso in Slovenia oppure presentare un test negativo, effettuato in uno dei laboratori riconosciuti dal Governo Sloveno (tutti quelli in Italia sono riconosciuti), non più vecchio di 48 ore. Dal 16 novembre 2020, per alcune categorie di viaggiatori, il tempo di permanenza consentito è stato ridotto: lavoratori transfrontalieri 14 ore; questioni personali o di lavoro urgenti e non derogabili 12 ore. Altre eccezioni sono state eliminate (visita a case o barche in Croazia, lavori agricoli).

approfondimenti 

AUTODICHIARAZIONE IN CASO DI ENTRATA IN ITALIA DALL’ESTERO: MODELLO

NORMATIVA ANTI-COVID PER RIENTRO DALL’ESTERO: ALLEGATO ALL’AUTODICHIARAZIONE

 

Informazioni di carattere sanitario

Si riportano di seguito i contatti delle aziende sanitarie regionali, cui rivolgersi con le modalità indicate

SI RACCOMANDA DI VISIONARE I SITI INTERNET DEI DIPARTIMENTI DI PREVENZIONE, AGGIORNATI ALLE PROCEDURE PER LA COMUNICAZIONE DEI RIENTRI (INVIO MAIL PER GO/TS E COMPILAZIONE MODULO ON LINE PER UD/PN):

ASU FRIULI CENTRALE                     COMPILAZIONE MODULO ON LINE

ASU FRIULI CENTRALE                     COMPILAZIONE MODULO ON LINE

ASU FRIULI CENTRALE                     COMPILAZIONE MODULO ON LINE

AS FRIULI OCCIDENTALE                 COMPILAZIONE MODULO ON LINE

ASU GIULIANO ISONTINA – Gorizia 0481 592836 – 0481 592874 INVIO MAIL infettive.profilassi@asugi.sanita.fvg.it

ASU GIULIANO ISONTINA – Trieste 040 3997492 – 040 3997490 INVIO MAIL profilassi.dip@asugi.sanita.fvg.it 

Attivo dal 30/10/2020 un nuovo servizio telefonico a favore della popolazione giuliano-isontina per dare informazioni di primo livello sul COVID-19 che risponde allo 040-7786287. Maggiori info qui e nell'area tematica del sito ASUGI

FAQ emergenza Coronavirus dell'Azienda Sanitaria Friuli Occidentale ASFO qui

FAQ emergenza Coronavirus dell' Azienda Sanitaria Universitaria Friuli Centrale ASU FC qui

Indicazioni per i rientri in Italia (Fonte sanità RAFVG) download 

Normativa regionale in vigore

         
ORDINANZE REGIONALI 2021   TESTO ORDINANZA     
Ordinanza 5-2021 PC FVG  Ordinanza 5/PC Ordinanza 5/2021 PC FVG    
Ordinanza 3-2021 PC FVG Ordinanza 3/PC Ordinanza 3/2021 PC FVG     
Ordinanza 2-2021 PC FVG  Ordinanza 2/PC Ordinanza 2/2021 PC FVG    
Ordinanza 1-2021 PC FVG Ordinanza 1/PC Ordinanza 1/2021 PC FVG ANNULLATA CON SENTENZA TAR FVG    
ORDINANZE REGIONALI 2020        
ORDINANZA NUMERO   TESTO ORDINANZA    
Ordinanza 45 PC FVG Ordinanza 45/PC Ordinanza 45 PC FVG    
Ordinanza 40 PC FVG  Ordinanza 40/PC Ordinanza 40 PC FVG    
Ordinanza 39 PC FVG Ordinanza 39/PC Ordinanza 39 PC FVG    
Ordinanza 38 PC FVG Ordinanza 38/PC Ordinanza 38 PC FVG     
Ordinanza 37 PC FVG Ordinanza 37/PC Ordinanza 37 PC FVG    
Ordinanza 36 PC FVG Ordinanza 36/PC  Ordinanza 36 PC FVG     
Ordinanza 35 PC FVG  Ordinanza 35/PC Ordinanza 35 PC FVG     
Ordinanza 34 PC FVG  Ordinanza 34/PC

Ordinanza 34 PC FVG 

Protocollo

TEST SCUOLA COVID

   
Ordinanza contingibile urgente n. 32/PC Presidente della Regione Autonoma FVG Ordinanza 32/PC  Ordinanza 32 PC FVG    
Ordinanza contingibile urgente n. 30/PC Presidente della Regione Autonoma FVG Ordinanza 30/PC del 25/9/2020 Ordinanza 30 PC FVG dd 30/9/2020    
Ordinanza contingibile urgente n. 29/PC Presidente della Regione Autonoma FVG Ordinanza 29/PC del 25/9/2020 Ordinanza 29 PC FVG dd. 25/9/2020    
Ordinanza contingibile urgente n. 28/PC Presidente della Regione Autonoma FVG Ordinanza 28/PC del 31/8/2020 Ordinanza 28_PC_FVG dd 09_09_2020    
Ordinanza contingibile urgente n. 27/PC Presidente della Regione Autonoma FVG Ordinanza 27/PC del 31/8/2020 Ordinanza 27_PC_FVG dd 31_08_2020    
Ordinanza contingibile urgente n. 26/PC Presidente della Regione Autonoma FVG Ordinanza 26/PC del 31/8/2020 Ordinanza_26_PC_FVG_dd_31_08_2020    
Ordinanza contingibile urgente n. 25/PC Presidente della Regione Autonoma FVG Ordinanza 25/PC del 28/8/2020 Ordinanza 25 PC FVG dd. 28 08 2020    
Ordinanza contingibile urgente n. 24/PC Presidente della Regione Autonoma FVG Ordinanza 24/PC del 31/7/2020 Ordinanza 24 PC FVG dd. 02 08 2020    
Ordinanza contingibile urgente n. 23/PC Presidente della Regione Autonoma FVG Ordinanza 23/PC del 31/7/2020

Ordinanza 23 PC FVG dd. 31 07 2020

confermata con Ordinanza 24/PC

 
Ordinanza contingibile urgente n. 22/PC Presidente della Regione Autonoma FVG Ordinanza 22/PC del 31/7/2020 Ordinanza 22 PC FVG dd 31 07 2020
Ordinanza contingibile urgente n. 19/PC Presidente della Regione Autonoma FVG

Ordinanza 19/PC del 26/6/2020

Trasporto Pubblico Locale TPL

Ordinanza contingibile urgente n. 19/PC Trasporto Pubblico Locale TPL

prorogata con Ordinanza 23/PC

Ordinanza contingibile urgente n. 18/PC Presidente della Regione Autonoma FVG

Ordinanza 18/PC del 19/6/2020

Trasporto Pubblico Locale TPL

Ordinanza contingibile urgente n. 18/PC Trasporto Pubblico Locale TPL
  Linee guida Ripartiamo insieme in sicurezza

Linee guida regione FVG per la riapertura delle Attività Economiche e Produttive

da premesse ordinanza n. 16/PC del 3/6/2020 Rilevato che sono disponibili Linee guida regionali per ulteriori attività e a integrazione di quelle regolate dalle Linee guida approvate dalla Conferenza delle regioni e delle province autonome

Ordinanza contingibile urgente n. 15/PC Presidente della Regione Autonoma FVG (TPL) Ordinanza 15/PC del 17/5/2020 (TPL) Ordinanza 15_PC FVG dd 17_05_2020.pdf Trasporto Pubblico locale (TPL)
Ordinanza contingibile urgente n. 1/2020 Presidente della Regione Autonoma FVG ai sensi dell’articolo 32 della Legge 23 dicembre 1978, n. 833 PRES. N. 1/2020/SALUTE

Ordinanza contingibile ed urgente ai sensi dell’articolo 32 della Legge 23 dicembre 1978, n. 833

validità 31/8/2020

La normativa regionale non più in vigore:

     
Ordinanza 42/PC FVG Ordinanza 42/PC FVG Ordinanza 42 PC FVG
Ordinanza 41/PC FVG Ordinanza 41/PC FVG Ordinanza 41 PC FVG 
ordinanza contingibile urgente n. 33 PC FVG  Ordinanza 33 PC FVG Ordinanza 33 PC FVG
Ordinanza contingibile urgente n. 1/AMB Presidente della Regione Autonoma FVG

PRES. N. 1/2020/AMB. 

31/03/2020

RIFIUTI

Ordinanza contingibile e urgente ex art. 191 D.Lgs. 152/2006

validità 31/7/2020

Ordinanza contingibile urgente n. 17/PC Presidente della Regione Autonoma FVG Ordinanza 17/PC del 12/6/2020

ordinanza FVG n. 17/2020

linee guida per riapertura attività produttive

valevole dal 15 al 30 giugno

Ordinanza contingibile urgente n. 16/PC Presidente della Regione Autonoma FVG Ordinanza 16/PC del 3/6/2020

Ordinanza%2016_PC%20FVG%20dd%2003_06_2020_1.pdf

valevole dal 4 giugno 2020 al 30 giugno 2020

Allegato all'ordinanza n. 16/PC - Presidente della Regione Autonoma FVG Linee Giuda Fase due

Allegato%20Ord_16_PC_FVG%20Linee%20Guida_Fase2_Covid19_0.pdf

da premesse ordinanza n. 16/PC del 3/6/2020 Rilevato che sono disponibili Linee guida regionali per ulteriori attività e a integrazione di quelle regolate dalle Linee guida approvate dalla Conferenza delle regioni e delle province autonome

Ordinanza contingibile urgente n. 20/PC Presidente della Regione Autonoma FVG Ordinanza 20/PC del 26/6/2020 Ordinanza 20_PC_FVG dd 30_06_2020 con Allegato Ordinanza_20 Sport Contatto
Ordinanza contingibile urgente n. 21/PC Presidente della Regione Autonoma FVG Ordinanza 21/PC del 15/7/2020 Ordinanza 21 PC FVG dd 15 07 2020
Ordinanza contingibile urgente n. 14/PC Presidente della Regione Autonoma FVG  Ordinanza 14/PC del 17/5/2020 Ordinanza contingibile e urgente n. 14/PC
Ordinanza contingibile urgente n. 13/PC FVG dd 03 maggio 2020 Ordinanza 13/PC 03/05/2020 Ordinanza 13_PC FVG dd 3_05_2020 TPL.pdf
Ordinanza contingibile urgente n. 12/PC FVG dd 03 maggio 2020 Ordinanza 12/PC 03/05/2020 Ordinanza 12 PC FVG DD 3 05 2020
Ordinanza contingibile urgente n. 11/PC FVG dd 26 aprile 2020 Ordinanza 11/PC 26/04/2020 Ordinanza_11_PC_FVG_dd_26_04_2020.pdf
Ordinanza contingibile urgente n. 10/PC FVG dd 13 aprile 2020 Ordinanza 10/PC 13/04/2020 Ordinanza_10_PC_FVG_dd_13_04_2020.pdf
Ordinanza contingibile urgente n. 9/PC FVG dd 11 aprile 2020 Ordinanza 9/PC 11/04/2020 Ordinanza_9_PC_FVG_dd_11_04_2020.pdf
Ordinanza contingibile urgente n. 8/PC Presidente della Regione Autonoma FVG Ordinanza 8/PC 07/04/2020 Ordinanza_8_PC_FVG_dd. 07_04_2020

Ordinanza contingibile urgente n. 7/PC Presidente della Regione Autonoma FVG

(specificata da Ordinanza n. 8/PC)

Ordinanza 7/PC 03/04/2020

Ordinanza_7_PC_FVG dd.03_04_2020.pdf

Ordinanza contingibile urgente n. 6/PC Presidente della Regione Autonoma FVG Ordinanza 6/PC 03/04/2020 Ordinanza_6_PC_FVG_dd_03_04_2020.pdf

Ordinanza contingibile urgente n. 5/PC Presidente della Regione Autonoma FVG

(validità prorogata al 3 maggio 2020 da Ordinanza 9/2020)

Ordinanza 5/PC 25/03/2020 Ordinanza_5_PC_FVG_dd_25_03_2020.pdf
Ordinanza contingibile urgente n. 4/PC Presidente della Regione Autonoma FVG Ordinanza 4/PC 21/03/2020 Ordinanza_4_PC_FVG_dd_21_03_2020.pdf

Ordinanza contingibile urgente n. 3/PC Presidente

della Regione Autonoma FVG 

(superata dall'Ordinanza n. 4/PC Presidente Regione Autonoma FVG)

Ordinanza 3/PC 19/03/2020 Ordinanza 3

Ordinanza contingibile urgente n. 2/PC Presidente della Regione Autonoma FVG 

(validità prorogata al 03/05/2020 da Ordinanza contingibile urgente n. 9/PC Presidente della Regione Autonoma FVG )

Ordinanza 2/PC 13/03/2020

Trasporto Pubblico Locale

Ordinanza_2_PC_FVG_dd_13_03_2020.pdf

Ordinanza contingibile urgente n. 1/PC Presidente Regione Autonoma FVG

(efficacia cessata dal 09/03/2020)

Ordinanza 1/PC 1/03/2020

 

Ordinanza 1

Ordinanza contingibile urgente Presidente Regione Autonoma FVG del 23/02/2020Intesa tra Ministero Salute e Regione FVG (efficacia cessata dal 02/03/2020)

Ordinanza del 23/02/2020 Ordinanza 2

Focus Attività economiche e produttive

Linee guida per la riapertura delle Attività Economiche e Produttive (Aggiornamento 8 ottobre 2020)

 

Decreti Soggetto Attuatore Regione Friuli Venezia Giulia

Decreto  SA 1/2020

Decreto  SA 2/2020

Organizzazione Mondiale della Sanità 

Il portale dell'epidemiologia per la sanità pubblica

Associazione Nazionale Comuni Italiani

Associazione Nazionale Comuni Italiani FVG