DOG FRIEND 2013 simulazione di evento sismico su vasta area a Pozzuolo del Friuli (UD)

2 - 5 maggio 2013
Friuli Venezia Giulia

Dal 2 al 4 maggio 2013 a Pozzuolo del Friuli si è svolta "DOG FRIEND 2013", un'esercitazione che ha simulata un evento sismico su vasta area. L'evento è stato organizzato dall'Associazione Addestramento Cani da Catastrofe e dal Gruppo comunale di Protezione Civile di Pozzuolo del Friuli, con la collaborazione della Protezione Civile della Regione, dei Gruppi del Distretto del Cormor, dell'Associazione Radioamatori Italiani – Friuli Venezia Giulia, della Croce Rossa Italiana e della Pro Loco Pozzuolo.
I gruppi che hanno partecipato all’esercitazione sono stati:
- Volontari di protezione civile dei Comuni di: Pozzuolo del Friuli, Aiello del Friuli, Campoformido, Basiliano, Martignacco, Pasian di Prato, Mortegliano, Lestizza, Palmanova, Visco, Campolongo-Tapogliano, Ruda, San Leonardo, Remanzacco, Pulfero, Udine, Moimacco, San Vito al Torre, Villa Vicentina;
- i gruppi cinofili: UCIS, Gruppo Comunale Curtarolo Fedics - Padova, Gruppo Comunale Martellago - Venezia, Unità Cinofile G.d.F. – Friuli Venezia Giulia, Unità Soccorso Tecnico - Varese, DRPNG - Nova Gorica, Anc “Le Fiamme” Centallo - Cuneo, COSI Italia Onlus Centallo - Cuneo, DHG Rijeka-Samobor – Fiume (Croazia), CRUCS Fvg – Friuli Venezia Giulia, Croce Bianca - Bergamo, Unità Cinofile Gruppo Lucano - Basilicata, Unità Cinofile VVFF – Friuli Venezia Giulia,  ERPS - Slovenia, Scuola Trento (TN), Unità Cinofile CRI - Treviso;


Locandina "DOG FRIEND 2013"

- Associazione di Protezione Civile di Cappella Maggiore, Fregona e Colle Umberto;
- Associazione Radioamatori Italiani – Sezione di Udine;
- Associazione Radioamatori Italiani – Sezione di Casale Monferrato;
- Rescue Team Comune di Fermo;
- Associazione di Protezione Civile Gruppo Lucano;
- Fly Drones – Udine;
- Gruppo emergenza parapendiisti a motore di Udine;
- l’Associazione Carabinieri Italiani – Nucleo Regionale di Volontariato e Protezione Civile;
- Gruppo Mai sta Fêrs - Pozzuolo;
- Associazione El Cogôl;
- Veterinari professionisti;
- Comando Provinciale Vigili del Fuoco Udine;
- Croce Rossa Italiana – Sezione provinciale di Udine;
- Giacche Verdi;
- gruppo Fly Drones di Udine.

L'esercitazione ha interessato anche le località limitrofe alla zona di Pozzuolo, Palmanova, Visco, Campolongo-Tapogliano, Ruda, Torreano di Cividale, San Leonardo, Remanzacco, Pulfero e Udine.
Per l'evento sono stati allestiti un Centro di Coordinamento Soccorsi e n. 4 Centri Operativi Comunali.
Sono stati utilizzarsi anche 4 macroaree per le operazioni di ricerca effettuate da parte dei gruppi cinofili.
La Protezione Civile della Regione ha fornito in prestito 12 tende regionali, 72 brandine e gruppi illuminatori per tende al fine dell’allestimento della tendopoli nonché il tendone per manifestazioni.
Per informare la popolazione dei centri coinvolti, nella giornata di martedì 30 aprile, si è svolta una serata informativa tesa a commentare i rischi derivanti dal pericolo d’incendio, dal pericolo di insorgenza di emergenze idrogeologiche e sismiche e di presentazione dell’esercitazione, con la partecipazione dell’ing. Claudio Garlatti della Protezione Civile della Regione, dell’ing. Andrea D’Odorico, del Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco di Udine e del geom. Riccardo Rossi, Coordinatore FESN, nonché del Coordinatore della Protezione Civile comunale sig. Mauro Duca.
La tendopoli è stata installata nella giornata del 2 maggio a cura dei volontari dei Comuni del Distretto del Cormor, presso l’area sportiva di Pozzuolo.
L’evento è stato un’ottima occasione per verificare parte delle previsioni del Piano Comunale di Protezione Civile.
La tendopoli è stata presidiata, ai fini della sicurezza, grazie alla collaborazione con l’Associazione Carabinieri Italiani – Nucleo Regionale di Volontariato e Protezione Civile. Al fine dell’illuminazione, la tendopoli è stata dotata di una torre faro dedicata.
Nella giornata di giovedì 2 maggio, alcuni operatori dell’Associazione Radioamatori Italiani, Sezione di Udine, hanno allestito le attrezzature preliminari necessarie al collegamento video con il ripetitore del Monte Bernadia sito in Comune di Tarcento, e per la ricezione di segnali video per operatori in volo, nonché per la ricetrasmissione di comunicazioni in formato digitale (VOIP) in gamma amatoriale.
Durante la mattinata di venerdì 3 maggio, è stato allestito il Centro di Coordinamento Soccorsi, posizionato presso la Saletta Marangoni annessa alla Biblioteca Civica di Pozzuolo. Il C.C.S. è stato dotato di:
Sempre nella mattinata di venerdì 3 maggio è stata attivata la Sala Operativa di Protezione Civile di Pozzuolo del Friuli, comprendente le seguenti postazioni:
- operatori ARI con radio amatoriali in frequenze HF (onde corte), VHF, UHF, (fonia) SHF (segnali video);
- stazione radio per comunicazioni locali tra volontari comunali in banda 43 MHz;
- stazione radio per comunicazioni locali tra volontari mediante la rete regionale digitale in banda VHF civile;
- stazione di monitoraggio sismico fissa FESN;
- radio broadcasting multibanda;
- punto di accesso Internet.
Durante la stessa giornata sono stati attivati i Centri Operativi Comunali posizionati nei pressi della Sala Operativa comunale di Visco, all’interno della caserma Ederle, nella Caserma Osoppo di Udine e presso la Sala Operativa comunale di San Pietro al Natisone.
Tutti i C.O.C., sono stati attivati con un radioamatore ARI per le comunicazioni vero il C.C.S. nonché con operatori radio per le comunicazioni locali.
In prossimità della Sala Operativa di Pozzuolo è stata installata una tenda ministeriale gonfiabile di proprietà della Sezione ARI di Casale Monferrato, gruppo partecipante all’esercitazione.
La Croce Rossa Italiana ha invece installato un posto medico avanzato in prossimità del C.C.S..
Alle ore 15.00, presso la Saletta Marangoni si è tenuto un briefing con i gruppi cinofili e gli altri gruppi partecipanti all’iniziativa.
Alle ore 17.00, sono iniziate le operazioni relative all’esercitazione vera e propria.
I gruppi cinofili sono stati trasportati sulle zone operative dei vari siti tramite i mezzi messi a disposizione dai Comuni di: San Pietro al Natisone, Campolongo-Tapogliano, Udine, Visco, Campoformido, Martignacco, Pasian di Prato, Palmanova, Moimacco, San Vito al Torre, Pozzuolo del Friuli, Basiliano.
Ogni unità cinofila hanno eseguito le operazioni di ritrovamento dispersi in ognuno dei 16 siti allestiti per un periodo continuativo di 18 ore. Alcuni siti erano stati precedentemente allestiti con un gruppo elettrogeno e una torre faro.
All’interno del Centro Operativo di San Pietro al Natisone è stata allestita una stazione sismica triassiale portatile FESN.
Alle ore 09.30 della mattinata di sabato 4 maggio, si è organizzato un maxi evento presso la località Castellieri di Pozzuolo comprendente dimostrazioni con parapendiisti a motore, un drone radiocomandato, il gruppo Giacche verdi a cavallo.
Alle ore 11.00, si è conclusa l’esercitazione, a cui è seguito i rientro dei gruppi operativi.
Alle ore 12.00, presso la Saletta Marangoni, si è tenuta una riunione di debriefing.
Alle ore 17.00, presso l’area sportiva del complesso scolastico di Pozzuolo, si è tenuta una seconda dimostrazione comprendente il drone, alcuni passaggi dei parapendiisti, una stazione sismica attiva della FESN e un monitor su cui venivano evidenziate alcune immagini dell’esercitazione.
Alle dimostrazioni serali ha presenziato il Direttore della Protezione Civile Regionale dott. Guglielmo Berlasso, il quale si è confrontato a lungo sulle caratteristiche del drone del gruppo Fly Drones di Udine e dei parapendiisti a motore.
La cena finale, svoltasi all’interno del capannone per manifestazioni gentilmente messo a disposizione dalla Protezione Civile regionale, ha completato le operazioni previste dall’evento.
La giornata di domenica è servita per le operazioni di sanificazione delle tende e per il successivo smontaggio delle stesse, nonché per le altre operazioni di riordino della Sala Operativa.
All’evento hanno preso parte circa 500 volontari nell’ambito di tre giorni.

Il Coordinatore FESN
Riccardo Rossi